Offlimits Supermoto

Conclusione campionato italiano di Flat Track e mondiale il prossimo weekend.

5 Settembre 2018

Si è concluso lo scorso weekend il campionato italiano di Flat Track in cui il team Offlimits Racing ha ottenuto la seconda posizione assoluta.

Le gare nel weekend sono state due, una sabato e una domenica.

GARA 1
Nella gara di sabato dei problemi di elettronica hanno impedito a Gianni di brillare nelle batterie di qualifica, comunque ottenendo la prima fila in finale.

In finale scatta discretamente e si trova in 3° posizione. Dopo pochi giri viene sopravanzato dall’avversario Moschini, che però poco dopo, in una sola curva, Gianni si libera sia di Moschini che del concorrente che si trovava in seconda posizione. Gianni si trova secondo e prende vantaggio sui concorrenti, ma la gara viene sospesa per via di un brutto incidente di Corradetti che cade in pieno rettilineo urtando erroneamente le protezioni laterali. Frattura della clavicola per lui.

GARA 2
La gara di domenica, per via della forte pioggia poco prima dell’inizio, parte sul fango, su cui Gianni si sente perfettamente a suo agio, vincendo 3 batterie di qualifica su 4, ottenendo la prima posizione per la finale.

In finale però le condizioni della pista sono cambiate e pena anche una partenza non proprio brillante, Gianni si trova a transitare al termine del primo giro solo in quarta posizione. Durante tutta la gara Gianni tenta di sorpassare il 2° e il 3° che erano immediatamente di fronte a lui ma purtroppo senza mai riuscirci.


Tuttavia con i risultati ottenuti durante il weekend il punteggio di fine campionato ci vede abbondantemente al 2° posto in classifica finale.
Vince il campionato Cecchini sul prototipo Zaeta, segue Villamagna su Husqvarna.

Qualche considerazione riguardo il campionato italiano, che dispone di un regolamento che da la possibilità anche ai prototipi di correre insieme ai mezzi di derivazione cross. Pertanto quest’anno ci siamo trovati come rivali dei piloti molto forti su dei mezzi progettati appositamente per il Flat Track, come appunto lo è la Zaeta. Chiaramente questi mezzi garantiscono una guidabilità e una prestazione non raggiungibile da una moto con base cross. Oltretutto sono ammessi anche mezzi di cilindrata inferiore con ruote di diametro differente. Tutte queste “concessioni” creano disparità e spesso favoriscono chi ha più budget da investire piuttosto che le capacità del pilota, allontanando chi invece vorrebbe avvicinarsi alla disciplina. Speriamo che il prossimo anno il regolamento venga aggiustato per essere più giusto nei confronti dei piloti.

Leggi tutto: Conclusione campionato italiano di Flat Track e mondiale il prossimo weekend.

chat

Effettua l'accesso all'area riservata, poi premi il tasto che apparirà qui a lato per avviare la chat.

Reportage seconda tappa campionato italiano Flat Track

3 Luglio 2018

Si è tenuta domenica la seconda tappa del campionato Italiano di Flat Track a Lonigo (Vi).

In questi 3 lunghi mesi dalla prima gara, in cui abbiamo partecipato e vinto le altre gare con la nostra seconda moto (KTM 450 “old style” senza leveraggi), abbiamo avuto modo di aggiornare il motore dal nostro preparatore Gornati Racing con delle modifiche fondamentali per cambiare la curva di potenza, rendendola più dolce ai bassi e più lineare. Siamo anche intervenuti sull’elettronica grazie al supporto di Tomasin. L’importatore KTM Fabio Farioli ha contribuito a fornirci il materiale DOC e la sua preziosa consulenza.

Grazie al nostro ingegnere abbiamo anche raffinato la ciclistica, il risultato è stato un aumento notevole dell’aderenza e del controllo, tanto da permettere a Gianni di poter stare vicino per la prima volta al plurititolato Francesco Cecchini, in sella al superperformante prototipo Zaeta.

Nelle batterie di qualifica, in cui Gianni ha dovuto sempre vedersela appunto con Cecchini, arrivando sempre arrivato secondo ma con un distacco contenuto. La pista era in buone condizioni e la nostra KTM si è comportata egregiamente.

In finale ci siamo trovati spiazzati dall’aderenza del circuito che è diventata notevole; la difficoltà di far “derapare” la moto in percorrenza ha portato Gianni a perdere oltre mezzo secondo a giro sul suo passo di gara chiudendo solo terzo perdendo contatto dai primi due, Kevin Corradetti e da Francesco Cecchini, chiude quarto il ceco Pavol Pucko.

Di seguito il video che riprende lo svolgersi dell’intera gara.

Leggi tutto: Reportage seconda tappa campionato italiano Flat Track

Ottima prestazione alla gara 3 e 4 del campionato italiano di Flat Track

Lo scorso weekend a Misano Adriatico è stato per noi un weekend superintenso tra corsi di guida e competizioni.

In occasione del World Ducati Week (WDW), evento speciale che si tiene ogni due anni, abbiamo tenuto per conto di Ducati Scrambler i corsi di guida Flat Track presso l’autodromo Marco Simoncelli da venerdì a domenica. Contemporaneamente venerdì sera e sabato sera a Misano città, presso l’Arena 58, si sono tenute la 3^ e la 4^ prova del campionato italiano di Flat Track FMI, in cui ci siamo ripresi la seconda posizione in campionato.

La nostra KTM 450 portava sul campo nuove modifiche e soluzioni tecniche che ci hanno permesso di ottenere una prestazione ancora migliore e di essere sempre più vicini a Zaeta, che ricordiamo essere un prototipo costruito specificatamente per il Flat Track.


Tra le modifiche più importanti troviamo le nuove sospensioni anteriori ad aria, sviluppate dal nostro nuovo tecnico sospensionista Robert Turba di WS Suspension, che ci ha offerto la sua preziosa assistenza in entrambe le gare.


Le sensazioni sono state subito molto positive e abbiamo guadagnato un sacco di trazione, fino addirittura ad averne troppa!


La terza tappa di campionato si è svolta senza particolari intoppi né colpi di scena. Siamo arrivati con disinvoltura in finale in cui Gianni si è accodato alle due Zaeta, pilotate da Francesco Cecchini e dallo special guest Fabio Di Gianantonio (mondiale moto3). I due se le sono date di santa ragione e negl’ultimi passaggi anche Gianni ha sopravanzato di Gianantonio, che però ha contrattaccato nell’immediato a centro curva riprendendosi la seconda posizione. Chiudiamo terzi con soddisfazione.

Di seguito un breve video che riprende le battute finali:


La quarta tappa ci ha fatto un po' disperare, ma si è conclusa al meglio con enormi soddisfazioni.


Nelle batterie di qualifica abbiamo riscontrato dei problemi con la frizione, impedendoci di ottenere dei buoni piazzamenti e di poter accedere direttamente alla finale. Per la prima volta abbiamo dovuto partecipare alla Last Chance, che abbiamo vinto agevolmente. In finale però la partenza è stata dalla seconda fila e alla prima curva ci trovavamo soltanto in 6^ posizione. Nei 10 giri della finale Gianni ha inanellato una serie di giri indemoniati, sorpassando giro dopo giro piloti professionisti di grande prestigio, come Daniele Moschini (campione italiano di qualche anno fa) e due giovani piloti del team VR46 direttamente dal ranch di Valentino Rossi. Gianni raggiunge a 2 giri dalla fine anche Di Gianantonio, passandolo in ingresso curva con decisione. In un giro è subito alle spalle del secondo, ma la gara finisce ed è quasi  fotofinish con Lorenzo Villamagna, autore di una prestazione eccezionale. Poco più avanti ci sarebbe stato Cecchini. La soddisfazione è comunque tanta, soprattutto per aver raggiunto un livello tecnico e di guida notevole, soprattutto considerando che abbiamo ancora tante idee e progetti per lo sviluppo della moto.

I piazzamenti delle due gare disputate a Misano ci hanno permesso di tornare in seconda posizione nel campionato italiano, alle spalle dell’iridato Francesco Cecchini.
Prossimi appuntamenti per il campionato italiano saranno l’1 e il 2 settembre a Terenzano (UD) in cui punteremo alla vittoria, almeno di giornata.

Concludiamo questo comunicato con un pensiero verso Franco Portaluppi, titolare della PZ5 Cobra, azienda che ci sponsorizza e nostro fornitore di numerose special part che noi stessi utilizziamo sulla nostra moto, che purtroppo è scomparso per un malore pochi giorni fa.

Leggi tutto: Ottima prestazione alla gara 3 e 4 del campionato italiano di Flat Track

Nuova moto da gara 2015: Suzuki RM 500 Bigoot

10 Dicembre 2014

Vi presentiamo la nuova arrivata in casa Offlimits, una bellissima Suzuki RM con motore Honda Cr 500 2 tempi.

La moto è così accessoriata:

  • Suzuki RMZ frame
  • Honda CR 450 2 tempi
  • Piastre di sterzo perimetrali Cobra PZ5
  • Gomma posteriore Mitas H18 140/80-19
  • Gomma anteriore Sava MC30 90/90-21
  • Impianto frenante anteriore radiale con adattatore assiale
  • Disco 320mm Braking
  • Paramani Circuit
Il mezzo sarà con tutta probabilità la moto da gara 2015 di Gianni e debutterà venerdì alla gara del Motorshow di Bologna.
 
C'è stato giusto il tempo per accenderla e farle il rodaggio, dove Gianni ha potuto constatare una potenza esplosiva unitamente alla leggerezza del 2 tempi, difficilissima da domare e da far "rendere" come tempo sul giro, pertanto questa prima gara al Motorshow di Bologna ci servirà per verificare le sue potenzialità e per cominciare a lavorare sull'assetto.
 
Suzuki RM 500 bigfoot
Suzuki RM 500 Bigfoot

Epic series: Offlimits Supermoto Actions

PARTNERS

 
 
 

Video del mese

Iscriviti alla newsletter

Gli ultimi fan...

Gli ultimi fan...